Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 26.06.2017 ore 00.37
Sei qui: Home | Coopstartup Emilia Ovest: costruiamo il futuro
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Coopstartup Emilia Ovest: costruiamo il futuro


Legacoop Emilia Ovest, in collaborazione con Coopfond, fondo mutualistico di Legacoop per la promozione e lo sviluppo del movimento cooperativo, promuove il progetto Coopstartup mirato a favorire la creazione di nuove imprese cooperative.



Obiettivo dichiarato del progetto Coopstartup è supportare lo sviluppo di idee imprenditoriali da realizzare in forma cooperativa, capaci di apportare benefici alla comunità locale e al territorio in termini di aumento dell’occupazione e di crescita economico-sociale-culturale.
L’attenzione sarà concentrata su idee imprenditoriali che comportino l’introduzione di innovazioni tecnologiche, organizzative o sociali, con particolare riferimento agli ambiti considerati prioritari dall’Unione Europea per incoraggiare percorsi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. 
L’iniziativa è rivolta a gruppi (composti da almeno 3 persone) in maggioranza di età inferiore ai 40 anni, che intendano costituire un’impresa cooperativa con sede legale ed operativa nelle Provincie di Reggio Emilia, Parma e Piacenza e a cooperative costituitesi nel 2017, della medesima area territoriale e con una base sociale in maggioranza di età inferiore ai 40 anni.

Il progetto è stato presentato oggi dal presidente di Legacoop Emilia Ovest Andrea Volta e dal direttore Promozione Attiva di Coopfond Alfredo Morabito. Presenti il presidente di Boorea e vicepresidente di Legacoop Emilia Ovest Luca Bosi e Federica Sala di Coop Alleanza 3.0, partner strategici del progetto. La responsabile del progetto per Legacoop Emilia Ovest è Daniela Cervi, i referenti sui territori Matteo Pellegrini per Reggio Emilia, Vanessa Sirocchi per Parma e Miriam Vallisa per Piacenza.

Il progetto si svilupperà attraverso una “call for ideas” cui seguirà un percorso di formazione finalizzato a fornire le competenze di base per sviluppare il progetto e costituire una cooperativa. Le migliori proposte imprenditoriali verranno ulteriormente selezionate e accompagnate dalla fase iniziale (pre-startup) alla costituzione in cooperativa (startup) fino ai 36 mesi successivi all’avvio dell’attività (post-startup).
Gli ambiti di attività prioritari per l’introduzione di innovazioni sono quelli indicati dai programmi europei 2020 e cioè: salute, cambiamenti demografici e benessere; sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima e bioeconomia; energia sicura, pulita ed efficiente; trasporti intelligenti, ecologici e integrati; azione per il clima, efficienza delle risorse e materie prime; società inclusive, innovative e sicure. Sono, inoltre, considerate con favore iniziative che riguardino la salvaguardia e fruibilità del patrimonio storico, artistico, culturale, naturalistico e paesaggistico e la promozione e valorizzazione turistica del territorio.
 
Coopstartup (www.coopstartup.it) diretto a promuovere nuova cooperazione soprattutto tra i giovani e in nuovi mercati favorendo l’innovazione tecnologica, organizzativa e sociale mette a disposizione del progetto Coopstartup Emilia Ovest, oltre all’esperienza maturata con le altre sperimentazioni, il supporto professionale ed economico alle attività di progettazione e gestione dell’iniziativa nel suo complesso 
Il progetto verrà realizzato con l’attivazione di una rete aperta, cui potranno aderire altri soggetti interessati a sostenere la nascita e lo sviluppo di cooperative innovative tra giovani e non, mettendo a disposizione e ‘in circolazione’ esperienze, competenze, risorse. Oltre ai promotori, quindi, potranno fare parte della rete, per il contributo di conoscenze e competenze apportabili anche su fasi specifiche, cooperative, società specializzate nella formazione d’impresa, università, centri di ricerca e altri soggetti pubblici e privati interessati a condividere il percorso.
Hanno aderito:
partner strategici: Boorea Emilia Ovest e Coop Alleanza 3.0;
partner cooperativi: CIR food , Conad Centro Nord., Cooperativa Sociale Coopselios, Coopservice, Consorzio cooperative sociali Qurantacinque, Coop Eridana, Greslab, The Hub Reggio Emilia, Pro.Ges, Sicrea, Solidarietà 90, Transcoop;
partner istituzionali: Aster Bologna, Fondazione E 35, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università di Parma, Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza.
 
Legacoop Emilia Ovest, oltre al supporto offerto tramite le proprie figure professionali, metterà a disposizione, congiuntamente con Boorea Emilia Ovest e Alleanza 3.0, € 10.000 per ciascuno dei tre progetti vincitori.
Coopfond, oltre al supporto economico e professionale alle attività di progettazione, gestione e comunicazione dell’iniziativa, prevede, per ognuna delle tre nuove startup cooperative vincenti, dopo la costituzione e l’adesione a Legacoop: un contributo forfettario a fondo perduto di € 5.000 a copertura delle spese di avvio della startup e, a seguito di istruttoria e valutazione, l’accesso a prodotti specifici per le startup cooperative quali l’intervento nel capitale di rischio con un moltiplicatore, che, ad alcune condizioni, può raggiungere il 200% del capitale dei soci e la convenzione con Banca Etica che prevede, tra l’altro, l’erogazione di microcredito fino ad un massimo di 25 mila euro. Le startup cooperative avranno, infine, l’opportunità di accedere, sempre a seguito di istruttoria e valutazione autonoma del Fondo, agli altri prodotti caratteristici di Coopfond.
 
Le domande di partecipazione al bando saranno accolte e gestite tramite la piattaforma www.coopstartup.it/emiliaovest messa a disposizione da Coopfond. La Call rimarrà aperta 60 giorni (dal 18 maggio al 18 luglio 2017). 
 
I business plan di impresa cooperativa che si classificheranno nelle prime 3 posizioni della graduatoria saranno accompagnati alla costituzione in cooperativa dalle strutture e/o organizzazioni territoriali di Legacoop. 
Il premio consisterà per ognuna delle 3 cooperative costituite, se aderenti a Legacoop:
1. un contributo a fondo perduto complessivo di 15.000 euro finalizzato a coprire le spese di costituzione e avvio della nuova impresa;
2. intervento nel capitale di rischio da parte di Coopfond, a seguito di istruttoria e valutazione, con un moltiplicatore fino ad un massimo del 200% rispetto al capitale dei soci cooperatori,
3. accesso ai benefici della Convenzione Coopfond Banca Etica che prevede tra l’altro l’erogazione di microcredito;
4. la possibilità di attivare gli altri prodotti finanziari di Coopfond a sostegno della promozione e sviluppo della cooperazione, sempre a seguito di istruttoria e valutazione autonoma (capitale e credito, come da Regolamento d’accesso al Fondo consultabile sul sito www.coopfond.it );
5. disponibilità di spazi fisici presso le strutture di coworking partner per 90 giorni e successivo canone calmierato. 
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 19/05/17

Esprimi il tuo commento