Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 24.06.2017 ore 22.44
Sei qui: Home | Coop fallite, i soci: "La nostra protesta non si ferma"
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Coop fallite, i soci: "La nostra protesta non si ferma"


Le manifestazioni e la mobilitazione dei soci e dei lavoratori delle coop fallite, ultima in ordine di tempo Unieco, non si fermano. 



Lo ha comunicato la Federconsumatori che il 18 aprile ha portato in piazza i risparmiatori traditi a Reggio Emilia, poi vi è stato l'incontro con il sindaco Luca Vecchi in Comune,  mentre giovedì 20 aprile ha replicato la protesta a Bologna, sotto la sede regionale di Legacoop, con i manifestanti in seguito ricevuti dal presidente regionale Giovanni Monti e dal numero uno di Legacoop Emilia Ovest, Andrea Volta. 
 
In sintesi i risparmiatori hanno chiesto ai dirigenti di potere riavere almeno il 40% dei soldi perduti. Legacoop, dal canto suo, ha spiegato che sarà vicina ai soci e che in tempi recenti sono stati stanziati circa 64 milioni per le aziende andate a gambe per aria in Emilia, ma che oggi i tempi sono cambiati e la liquidità non è più la stessa.
 
Ma la protesta non si ferma. E il prossimo appuntamento è già fissato per il prossimo 18 maggio, alle ore 11, quando Federconsumatori e i Comitati delle cooperative fallite, insieme a soci, lavoratori, cittadini, pensionati manifesteranno nuovamente davanti al Parlamento, a Roma.


Ultimo aggiornamento: 30/04/17

Esprimi il tuo commento