Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 26.05.2017 ore 20.51
Sei qui: Home | Claudio Abbado a Reggio con la talentuosa Yuja Wang
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Claudio Abbado a Reggio con la talentuosa Yuja Wang


E’ uno dei concerti clou della stagione 2009-2010, che metterà sul palcoscenico del Teatro Valli martedì 13 aprile, alle ore 20, due giganti della musica – il direttore Claudio Abbado e la Mahler Chamber Orchestra - e un astro nascente, che torna per la seconda volta a Reggio Emilia, la giovanissima pianista Yuja Wang.

Il programma ruota attorno al Beethoven sinfonico, proseguendo un approfondimento di questo autore che dura da anni: stavolta si tratta della ‘settecentesca’ Ottava Sinfonia (1812), che guarda a Haydn e Mozart con arguzia e grazia disincantata. Diversa da tutto ciò che fin lì Beethoven aveva scritto in campo sinfonico, l’Ottava a lungo disorientò pubblico e critica, fino a che la sua leggerezza e i suoi tratti umoristici non vennero pienamente compresi come una rilettura del sinfonismo classico alla luce di una matura (e mutata) consapevolezza stilistica.

Precedono Beethoven la Rapsodia su un tema di Paganini, e il Secondo Concerto di Rachmaninov (1900-1901), il più famoso dei suoi concerti. Composto dopo una grande crisi creativa, è sospinto da una sovrabbondante ricchezza melodica e da una espressione immediata delle emozioni, caratteristiche che l’hanno reso amatissimo dal pubblico. Suonato in pubblico dallo stesso Rachmaninov oltre centocinquanta volte, il Secondo Concerto è il più popolare biglietto da visita dell’invenzione sontuosa e del gusto postciaikovskiano d’autore. E da quando, nel 1946 alcune parti fecero da colonna sonora del film Breve Incontro di Noel Coward e David Lean, da quando Billy Wilder usò lo spunto iniziale in Quando la moglie è in vacanza, è diventato il passaporto per l’eternità della musica di Rachmaninov.

Tornando ai protagonisti della serata, a Reggio ritornano Claudio Abbado e la Mahler Chamber Orchestra: uno dei massimi direttori viventi e l’orchestra da lui forgiata, una collaborazione artistica di inesauribile fecondità. E nel ruolo di solista, Yuja Wang, la giovanissima pianista cinese che ha suscitato entusiasmo al Valli nella passata stagione ed è protagonista di una carriera folgorante.


Ultimo aggiornamento: 12/04/10

Esprimi il tuo commento