Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 24.06.2017 ore 22.44
Sei qui: Home | Igor, Minniti: avanti sino alla cattura. Non ci fermeremo, un grande Paese non si arrende
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Igor, Minniti: avanti sino alla cattura. Non ci fermeremo, un grande Paese non si arrende


Sabato 22 aprile

Fino a quando non sarà catturato noi non ci fermeremo, perché così si comporta un grande paese".



Lo ha detto il ministro dell'Interno Marco Minniti a proposito di Norbert Feher, ricercato per due omicidi a fra Bologna e Ferrara. "Ho incontrato gli uomini delle forze dell'ordine impegnati nella caccia all'uomo - ha detto Minniti - e li ho ringraziati uno per uno".

Venerdì 21 aprile

Il ministro degli Interni Marco Minniti, durante una visita nella Bassa bolognese e ferrarese, si è fermato a Riccardina di Budrio per incontrare la vedova del barista Davide Fabbri, il 52enne ammazzato il primo aprile scorso durante un tentativo di rapina e anche Emanuele e Francesca, i figli della guardia volontaria Valerio Verri, ucciso a Portomaggiore una settimana dopo.

 
Terminata la visita a Riccardina alcuni amici del barista hanno contestato il ministro mentre lasciava il paese in auto hanno urlato: "Sono passati 20 giorni. E non l'avete ancora preso. Vergogna. Dovevate mettere una taglia". 

Ricerche senza sosta. A Molinella arriva il ministro dell’Interno Marco Minniti. Il rappresentante del governo dovrebbe anche incontrare i familiari di Davide Fabbri e Valerio Verri, le due vittime del killer ricercato da oltre mille uomini da circa venti giorni. E infatti, quella con il serbo 41enne è una partita che lo Stato non vuole perdere. 



Anche il generale dei carabinieri Tullio Del Sette dovrebbe tornare a Molinella venerdì per incontrare il ministro e fare con lui il punto della situazione sulle ricerche. 
 
"Io sono assolutamente ottimista, conosco i carabinieri da tanti anni, so l'impegno che stiamo mettendo nelle ricerche sul posto e nelle indagini, siamo impegnati su tanti fronti. Ci vorrà il tempo che ci vorrà, ma come già accaduto per altri gravi fatti per i quali si riteneva improbabile se non impossibile la cattura, ce la faremo". Queste le parole pronunciate dal comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette sulle ricerche di Norbert Feher, il principale indiziato per gli omicidi di Davide Fabbri a Budrio e di Valerio Verri a Marmorta di Molinella.
    


Ultimo aggiornamento: 22/04/17

21/04/17 h. 10.16
Adolf dice:

Se non ci fossero stati dei morti ci sarebbe da spanciarsi dal ridere.
Ministro, polizia, carabinieri, esercito, sommozzatori, cani molecolari... mancano solo Mazinga e Ufo Robot e tutta sta gente non riesce a beccare un fuggitivo nell'arco di dieci chilometri?
Andrà a finire che gli pagheremo il solito riscatto con promessa di semi-impunità per farsi beccare ed ammorbidire la solita figura di merda...

Esprimi il tuo commento