Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 26.02.2018 ore 04.13
Sei qui: Home | Al teatro Ariosto Toni Sartana e le streghe di Bagdad
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Al teatro Ariosto Toni Sartana e le streghe di Bagdad


"Toni Sartana e le streghe di Bagdad", secondo episodio della trilogia "Cativìssima", nato dalla fantasia di Natalino Balasso, sarà in scena al Teatro Ariosto venerdì 16, sabato 17 febbraio (ore 20.30) e domenica 18 febbraio (ore 15.30).



Se il primo capitolo guardava alla politica, questo nuovo episodio sposta la sua lente deformante sull'economia, ma sempre per raccontare, da un diverso punto di vista, l'inarrestabile decadimento di una società tragicamente comica. Il grottesco prende nuove imprevedibili sfumature, grazie ad un testo folgorante, ma soprattutto grazie ad un gruppo di attori capaci di creare delle maschere contemporanee di agghiacciante iperrealismo. Come le streghe del titolo, le cui profezie, citando il "Macbeth" di Shakespeare, diventano il motore propulsore della vicenda. Della stessa pasta sono fatte anche le altre donne presenti in scena: scaltre, violente, senza scrupoli, esattamente speculari alla dabbenaggine dei personaggi maschili. Francesca Botti dà la giusta dose di ambizione e volgarità alla sanguinaria Lea Sartana, Marta Dalla Via disegna una segretaria iperefficiente e manipolatrice al punto giusto e una mafiosa comicamente dominante, infine Beatrice Niero mette la sua prestanza fisica a servizio di una prostituta dal cuore d'oro. Gli fanno eco i tre personaggi maschili: Denis Fasolo è l'amico Bordin, fesso e violento in egual misura, Andrea Collavino è Munerol, il magnate dei "jeans coi strappi" che offrirà a Sartana l'occasione per avviare la sua scalata al potere economico.... ma sarà davvero così? Natalino Balasso/Toni Sartana offre al suo protagonista inedite sfumature che, pur calcando la mano sul versante dell'assurdo, rivelano nel finale un'inaspettata umanità. Si ride molto, ma quello che resta in bocca è un riso amaro, che si spegne nel momento esatto in cui lo spettatore viene messo di fronte a se stesso.
 


Ultimo aggiornamento: 15/02/18

Esprimi il tuo commento