Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 03.12.2016 ore 10.36
Sei qui: Home | Aids, l'allarme dell'Ausl: 73 nuove infezioni a Bologna nel 2015
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Aids, l'allarme dell'Ausl: 73 nuove infezioni a Bologna nel 2015


Sono state 73 le nuove infezioni da Hiv registrate a Bologna nel 2015, contro le 80 nel 2014: in circa la metà di queste si tratta di casi in stato avanzato di malattia, mentre l'87% dei contagi è avvenuto per trasmissione sessuale.



Sono questi alcuni dei dati diffusi dall'azienda Usl del capoluogo di regione emiliano-romagnolo alla vigilia della Giornata mondiale della lotta contro l'Aids di giovedì primo dicembre, anche per ribadire l'importanza di effettuare il test. Le diagnosi precoci, infatti, oltre a limitare la diffusione della malattia consentono di attivare tempestivamente le terapie, che permettono di vivere meglio e più a lungo. Il test Hiv può essere eseguire in qualsiasi momento dell'anno, senza prenotazione, in modo anonimo e gratuito.

In Emilia-Romagna il 52,5% dei contagi ha riguardato i rapporti eterosessuali e solo il 34,8% quelli omo-bisessuali, mentre a Bologna il contagio è risultato maggiore (oltre il 50% dei casi) nei rapporti omo-bisessuali. Secondo l'analisi dell'Ausl gli uomini si contagiano più delle donne, e in più del 70% dei casi si tratta di persone nella fascia di età compresa tra 30 e 39 anni. 


Ultimo aggiornamento: 30/11/16

Esprimi il tuo commento