Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 23.07.2017 ore 08.42
Sei qui: Home | Aemilia, Delrio risponde per 2 ore
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Aemilia, Delrio risponde per 2 ore


Il ministro dei Trasporti Graziano Delrio ha deposto in qualità di teste al processo Aemilia. L'ex sindaco di Reggio Emilia, come aveva confermato nei giorni scorsi, è arrivato in tribunale oggi martedì 18 di luglio nella tarda mattinata per una testimonianza che è poi durata per circa 2 ore. Graziano Delrio, con toni molto pacati, ha risposto a tutte le domande che gli sono state poste in aula.





Ai legali che hanno chiesto se avesse avuto sentore del fenomeno della ‘ndrangheta sul territorio, il ministro Graziano Delrio, sindaco di Reggio Emilia dal 2004 al 2013, risposto: “Certamente. Sapevamo che a Brescello c’era la presenza della famiglia Grande Aracri, conoscevamo i processi e le condanne definitive e quindi sapevamo che nel territorio reggiano in senso lato, cioe’ in provincia c’era questa presenza.



Erano notizie note al punto che, visto che dalle forze dell’ordine non arrivavano evidenze dirette di penetrazione della criminalita’ organizzata, chiedemmo di fare un’inchiesta sulle risultanze processuali coordinata dal professore Enzo Ciconte che fu poi ripetuta nel 2010″. Questo perche’, “avevamo la percezione che anche Reggio Emilia potesse diventare bersaglio dell’azione criminale”



Tra gli argomenti affrontati, Graziano Delrio Delrio ha fornito particolari sul viaggio a Cutro del 2009. Si era alla vigilia delle elezioni amministrative in cui era candidato a sindaco di Reggio Emilia. “Cutro è legata a Reggio Emilia da un patto di amicizia fin dal 1995. Avevo ricevuto numerosi inviti, ho accettato quello del sindaco e sono andato per una visita istituzionale durata 24 ore. Indossavo la fascia tricolore".



Il ministro smentisce inoltre di avere partecipato alla processione del Santissimo crocefisso, evento che si svolge nel paesino calabrese ogni sette anni: "Non ho partecipato alla processione", ha detto.







Testi eccellenti. Attesa per l'udienza del processo Aemilia che si svolge oggi martedì 18 di aprile. Sono infatti attesi testi eccellenti che sfileranno chiamati dagli imputati.



Salvo impedimenti dell'ultima ora dovrebbe presenziare in tribunale il ministro dei Trasporti ed ex sindaco di Reggio Emilia, Graziano Delrio. Il ministro, che aveva già confermato la propria presenza, è stato convocato dagli avvocati Stefano Vezzadini e Stella Pancàri, legali di Gianluigi Sarcone.

 
Nella giornata di oggi sono stati citati a testimoniare anche il senatore modenese Carlo Giovanardi e la moglie del sindaco di Reggio Emilia, Maria Sergio, oggi dirigente del Comune di Modena, prima al Comune di Reggio. Nei prossimi giorni dovrebbero portare la loro testimonianza anche il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi e quello di Modena, Gian Carlo Muzzarelli.
 


Ultimo aggiornamento: 18/07/17

22/07/17 h. 16.06
inutile come previsto dice:

Senza torturarlo era ovvio che avrebbe detto solo banalità. Con dei cavi elettrici attaccati ai genitali ti raccontava tutta la storia dei rapporti cutro-comune dagli inizi ad oggi. Così si è solo perso tempo e tutto sarò come prima.

Esprimi il tuo commento