Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Giovedì 24.08.2017 ore 01.06
Sei qui: Home | A Modena hanno manifestato 400 free vax
2 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

A Modena hanno manifestato 400 free vax


Manifestazione dei free vax domenica sera a Modena a favore della libertà di scelta vaccinale e contro il decreto legge del ministro per la Salute Lorenzin che impone dodici vaccinazioni per i bimbi e i ragazzi dai 0 ai 16 anni.

 
Al corteo hanno preso parte circa 400 persone, tra genitori, bambini, nonni e passanti che hanno voluto dare testimonianza della loro volontà e del loro pensiero in favore della libertà delle vaccinazioni.

 
Dalla prossima stagione scolastica, infatti, i bambini da 0 a 6 anni, per essere iscritti al nido e alla scuola materna, dovranno essere sottoposti ai 12 vaccini resi obbligatori, pena la mancata iscrizione. Dalle elementari in poi, invece, sono previste sanzioni (molto ingenti) per i genitori dei bimbi non vaccinati, che però potranno frequentare normalmente le aule.

 
 


Ultimo aggiornamento: 23/06/17

19/06/17 h. 23.58
Alessandra dice:

Tutto ciò non è giustificato, non esiste una reale emergenza, 12 vaccini sono veramente troppi e invece di tutelare la salute, questa viene minata è indebolita da in azione coercitiva di massa, si parla di gregge come se l'uomo fosse un animale, e poi sono veramente troppe le contraddizioni fra quello che viene elencato nei bugiardini e le indicazioni dettate dal decreto, dal ricatto della perdita della patria potestà (gesto terribile, forse neanche a un delinquente si toglie un figlio) sino alla multa, più che onerosa da pagare, ulteriore ricatto (siamo in un paese dove sono sempre più le famiglie che hanno difficoltà ad arrivare a fine fine.... ), la costituzione stessa condanna un'azione simile.... e poi ci sono centinaia di altre cose da elencare. Questo è un paese che sta diventando sempre più folle... sono molto preoccupata

19/06/17 h. 22.59
Orietta dice:

Un Paese civile si occupa di sanità pubblica attraverso la ricerca, l' informazione corretta ,il potenziamento dei servizi socio sanitari, il lavoro che permette di avere un reddito. NON attraverso vaccinazioni di massa, coercizione, esclusione dalla vita pubblica, multe per impoverire ulteriormente i cittadini , silenzio stampa sul dissenso e radiazione dei professionisti che osano avere un pensiero " diverso" dal pensiero unico del dogma vaccini, conflitto di interesse con le case farmaceutiche. L'Italia è un paese civile?

Esprimi il tuo commento