Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 03.12.2016 ore 10.36
Sei qui: Home | A Luzzara pronto il bilancio 2017. Previsti nuovi investimenti per sociale, scuole e ambiente
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

A Luzzara pronto il bilancio 2017. Previsti nuovi investimenti per sociale, scuole e ambiente


È l’amministrazione comunale di Luzzara, guidata dal sindaco Andrea Costa, la prima in provincia di Reggio ad essere pronta ad approvare il bilancio 2017.



Un piano economico che è stato illustrato dallo stesso Costa lunedì 28 novembre in consiglio comunale e che contiene diverse buone notizie per i luzzaresi: nessun aumento di tasse, tariffe invariate, l’apertura di nuovi servizi e un importante progetto di riqualificazione energetica degli edifici pubblici, in primis le scuole.

“Abbiamo fatto le corse per arrivare a chiudere il bilancio entro dicembre - ha spiegato Costa in consiglio - perché con esso possiamo dare il via a diversi investimenti". Nel 2017 non ci saranno aumenti ai tributi locali, ma saranno confermate le riduzioni di 400mila euro del 2016 per tutti i proprietari di prime abitazioni. Congelata anche l’addizionale Irpef e invariata l’Imu.

"Abbiamo anche deciso - ha sottolineato Costa - di non toccare le tariffe dei servizi, in alcuni casi ferme da un decennio: su asili nido, trasporto scolastico, refezione, casa di riposo e assistenza domiciliare non ci sono nemmeno adeguamenti Istat. Significa, ad esempio, che i nostri asili restano i meno cari d’Italia”.

Una scelta, quella di non chiedere un solo euro in più ai luzzaresi, dalla forte caratterizzazione politica, come ha confermato il sindaco: “Sappiamo che le famiglie hanno ancora tante difficoltà, questo nonostante una zona industriale che ha attraversato la crisi generalmente meglio di quanto avvenuto altrove: ci sembrava logico continuare a sostenere le nostre famiglie offrendo servizi a prezzi bassissimi e di qualità, immaginare sconti per chi ha più di un figlio da mandare a scuola con il pulmino, stare vicino ai casi sociali più delicati mantenendo la possibilità di fare lavori socialmente utili in cambio di un contributo economico del Comune”.

Per coprire le spese, in aumento per sostenere l’attivazione di nuovi servizi (come ad esempio l’asilo nido flessibile o l’accoglienza ai neonati nei nidi), l’amministrazione ha recuperato le risorse necessarie tagliando ancora una volta sulle spese di funzionamento della macchina comunale.

Sei anni fa in Comune a Luzzara c’erano 54 dipendenti, nel 2017 ce ne saranno 24. Tra il 2016 e il 2017 la spesa in stipendi calerà di circa 50mila euro: "Questo, come molti altri tagli che abbiamo operato, è quello che ci permette di mantenere i servizi per i cittadini”.

Ma nel prossimo bilancio troverà spazio anche un nuovo investimento sulla riqualificazione energetica: “Le nostre scuole sono antisismiche, ristrutturate dopo il 2012, con connessione wifi, senza più amianto perché tra il 2011 e il 2013 lo abbiamo tolto, avranno nuove aule e laboratori tecnici grazie al cantiere che partirà nei prossimi mesi", ha precisato Costa.

"Ma non ci accontentiamo: vogliamo che siamo anche poco dispendiose in fatto di luce e riscaldamento". Per questo tra il 2017 e il 2018 Luzzara concorrerà a due finanziamenti, uno europeo e l’altro statale, per sostituire serramenti, fare cappotti termici e migliorie agli impianti di riscaldamento.

Il Comune conta di portare a casa una copertura del 70% delle spese da Europa e Stato, "e la restante parte la metteremo noi. Avere il bilancio già pronto a dicembre ci consente di concorrere per questi finanziamenti e di varare anche alcune manutenzioni straordinarie al patrimonio verde pubblico”, ha concluso Costa.


Ultimo aggiornamento: 30/11/16

Esprimi il tuo commento