Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Martedì 17.10.2017 ore 04.10
Sei qui: Home | Primarie: a Bologna Colombo, Lepore, Rizzo Nervo e Pillati stanno con Bersani
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Primarie: a Bologna Colombo, Lepore, Rizzo Nervo e Pillati stanno con Bersani


Come il sindaco Virginio Merola, che si schiererà al fianco del segretario nazionale del Pd, anche i giovani assessori della giunta comunale di Bologna hanno deciso da che parte stare nella sfida delle primarie della coalizione di centrosinistra. Per ufficializzare la scelta di campo Andrea Colombo, Matteo Lepore, Luca Rizzo Nervo e Marilena Pillati hanno firmato un documento congiunto per spiegare le motivazioni del loro appoggio a Pierluigi Bersani nella competizione interna che dovrà designare il candidato presidente del consiglio del centrosinistra alle prossime elezioni politiche del 2013.



"In queste primarie noi scegliamo Bersani - hanno messo nero su bianco - perché non basta l'agenda Monti, perché in questo momento la priorità è proporre un'alternativa politica credibile all'idea di scelte tecniche ineluttabili, di un percorso dovuto e come tale indiscutibile. [...] Crediamo vada ripreso e accelerato quell'importante programma di liberalizzazioni che è stato avviato da Bersani nel governo di centrosinistra e perché vogliamo vincere le elezioni ed eleggere un governo guidato dal leader del Pd".

L'appoggio al segretario, però, non è del tutto incondizionato: Colombo, Lepore, Rizzo Nervo e Pillati chiedono infatti a Bersani "di girare davvero e subito quella ruota e realizzare un cambiamento e un profondo rinnovamento della classe dirigente, un cambiamento netto, visibile, non difensivo. Non si tratta solo di dare piena applicazione allo statuto del Pd, evitando deroghe per chi ha già dato tutto con tre e passa legislature parlamentari alle spalle e prevedendo primarie per i parlamentari", ma anche "di liberare energie nuove, volti e idee che esistono nel paese reale e che lottano ogni giorno in mezzo a baronie, resistenze conservatrici, precarietà di futuro".


Ultimo aggiornamento: 20/09/12

Esprimi il tuo commento