Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 28.11.2014 ore 18.48
Sei qui: Home | Reggio ricorda i martiri di Villa Cadè e Gaida il 13 febbraio
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio ricorda i martiri di Villa Cadè e Gaida il 13 febbraio


Domenica 13 febbraio Reggio ricorda il 66° anniversario dell’eccidio di ventuno giovani, vittime delle rappresaglie nazifasciste, che avvenne a Cadè il 9 febbraio 1945. Erano: Bruno Affanni, Mirco Andreoli, Lino Bottali, Marcello Cavazzini, Elio Dresda, Eugenio Fontana, Arnaldo Ghiretti, Umberto Guareschi, Silvio Monica, Angelo Padovani, Ettore Plathzec, Paride Sacco, Antonio Schiavi, Luigi Gabelli Serventi, Bruno Ghisolfi, Flaminio Regazzi, Fausto Abbati, Athos Bolzoni, Stefano Mazzacani, Lino Guidoni e uno sconosciuto. Avevano, per la maggior parte, dai 15 ai 23 anni.

L’incontro è alle ore 10.15 nel piazzale della scuola a Cadè, da cui si partirà per deporre corone di alloro al cippo di Gaida. Alle 10.30 sarà officiata una Messa a suffragio nella chiesa parrocchiale di Cadè. Alle 11.30 saranno deposte corone di alloro al cippo e alla lapide di Cadè, a ricordo dei caduti della prima e seconda guerra mondiale.

La commemorazione ufficiale si terrà alle ore 12 e interverranno Filomena De Sciscio, vicesindaco di Reggio, Fausto Castagnetti, presidente della Circoscrizione Ovest, un rappresentante delle Amministrazioni comunali di Parma, Langhirano e Albinea. La deposizione ai cippi sarà accompagnata da brani eseguiti dalla Filarmonica Città del Tricolore.


Ultimo aggiornamento: 11/02/11

Esprimi il tuo commento
I commenti sono moderati e saranno pubblicati solo dopo l'approvazione della redazione.